Alimentaristi: comunicazione importante da parte dell’ULSS

COLLABORAZIONE PER DIFFUSIONE DA PARTE DI ULSS – SERVIZIO IGIENE DEGLI ALIMENTI E DELLA NUTRIZIONE – IN MATERIA DI ADEMPIMENTI LEGISLATIVI

Entrata in vigore del D.Lgs. 15 dicembre 2017, n. 231 . Disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni del Regolamento (UE) n. 1169/2011.

Si organizza un incontro al fine di sensibilizzare le aziende associate, che operano nel campo alimentare, circa gli obblighi previsti a seguito dell’entrata in vigore del D.Lgs citato in oggetto ed, in particolare, relativamente alle specifiche disposizioni previste dall’art. 19 relativamente alla vendita e somministrazione dei prodotti sfusi riguardo alle modalità di indicazione degli allergeni. Il D. Lgs. oltre a stabilire le sanzioni per le violazioni relative agli obblighi previsti dal Reg. UE 1169/11 precisa infatti le modalità ed indicazioni relative alla vendita e somministrazione degli alimenti sfusi.

La normativa entra pienamente in vigore il 09.05.2018.

Le modalità previste per ottemperare a tale obbligo ricalcano sostanzialmente, per la vendita, quelle precedentemente previste dal D. Lgs. 109/92 e s.m. , mentre per la somministrazione esse richiamano le indicazioni fornite dal Ministero della Salute negli scorsi anni (es: Circ. M.S. 06.02.2015). Si richiama in particolare la necessità che gli allergeni siano indicati per singolo alimento, sempre in forma scritta, il documento deve sempre essere accessibile sia ai clienti che alla personale di vigilanza (oltre che naturalmente al personale che opera all’interno della struttura) indipendentemente dalle diverse modalità con le quali si intende assolvere l’obbligo di legge.

I cartelli riportanti unicamente l’elenco delle sostanze considerate allergeni previste dalla normativa (allegato II del Reg UE 1169/11), con generiche indicazioni alla clientela circa la possibilità di rivolgersi al personale in caso di problemi, non assolvono in alcun modo, in assenza di specifico documento scritto, quanto previsto dalla normativa.

L’indicazione degli allergeni rappresenta una delle parti della normativa sull’etichettatura che riguardapiù strettamente la sicurezza del consumatore, si tratta pertanto di un aspetto che necessariamente deve essere accuratamente gestito dall’OSA e controllato dall’Autorità di Vigilanza Competente, si tratta inoltre di un obbligo specificatamente contemplato dall’Art. 44 del Reg. UE 1169/11 anche per la vendita/somministrazione degli alimenti sfusi.

A tal proposito si rammenta l’incontro gratuito previsto mercoledì 02/05, alle ore 14.30 presso la sede di Confartigianato Imprese a Belluno, in occasione del quale verranno trattate queste importanti tematiche a cura del dott. Oscar Cora, responsabile del Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione.